Gennaio, merli e chiome bionde

Tutti abbiamo una storia. A quanto pare, anche i mesi dell’anno.

Gennaio. Ultimi giorni del mese. I giorni della merla. In tanti, forse, conosceranno già la leggenda che ruota attorno ai giorni più freddi dell’anno.

Si racconta che un bellissimo esemplare di merlo femmina, con un piumaggio bianco candido, fosse oggetto dei dispetti del mese di gennaio. Questo, ogni volta che la vedeva uscire dal nido per andare a fare scorta di cibo, si divertiva a scatenarle contro tempeste di freddo. La merla, stanca di questa storia, decise un giorno di fare provviste per l’intero mese, che allora era solo di ventotto giorni, in modo da non dover più uscire dalla sua tana. Convinta di averla spuntata, l’ultimo giorno del mese, la candida merla uscì allo scoperto per sbeffeggiare Gennaio che, adirato, si fece prestare tre giorni da Febbraio, nei quali scatenò il gelo. La merla trovò riparo in un camino, nel quale si rifugiò per tre giorni, uscendone completamente annerita dalla fuliggine. Da allora, i merli, divennero neri.

Le leggende hanno sempre un che di magico, hanno il potere di redere interessanti le cose più banali. Quando qualcuno inizia la frase con “Si racconta…”, “Si dice..” o “La leggenda vuole che…”, è più forte di noi. Un istinto primordiale ci fa tendere l’orecchio più del solito, come se già sapessimo che quel racconto ci porterà in mondi lontani, avvolti da un alone di mistero. In fondo è quello di cui abbiamo più bisogno: sognare e immaginare. Abbiamo fame di storie. Storie da leggere, da ascoltare e, a volte, da inventare.

Niente più del freddo fuori dalla finestra concilia i nostri sogni. Una tazza di tè caldo, un buon libro e un divano. Ancor meglio se nevica, perchè la neve ha lo stesso potere delle storie: qualsiasi cosa tocca, su qualsiasi cosa riesca a posarsi, lo trasforma in magia.

Non so bene quali saranno i miei programmi per questi tre giorni, ma se dovessi uscire farò attenzione, si dice che Gennaio sia ancora molto arrabbiato. Voci di corridoio raccontano che si diverta a colpire le ragazze more, regalando loro sfolgoranti chiome bionde da far invidia a Barbie, e viceversa.

Caro Gennaio, alla mia mediterraneità ci tengo molto. Con cappello alla mano, anzi ben calzato in testa, non ti temo.

E freddo sia.

 

 

IMG_2983

IMG_2982

IMG_2981

IMG_2987

IMG_2988

IMG_2989

Annunci

8 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...