Buona Magia (di Natale)

Che tu abbia tre anni, dieci, quindici, trenta o novanta. Che tu sia triste o felice, ricco o povero. Non smettere di farlo. Non smettere di alzarti dal letto la mattina, andare verso la finestra, scostare la tenda e pensare che là fuori non possa esserci ancora un po’ di magia per te.

Sogna come farebbe un bambino e credici con tutte le tue forze. Sogna e credi, come quando la sera della vigilia ti sistemavi sotto le coperte e ti sforzavi di addormentarti al più presto, perchè sapevi che solo allora sarebbe arrivato Babbo Natale.

Sorprenditi sempre. Di tutto. Sorprenditi come quando la mattina di Natale, ancora assonnato, andavi piano piano vicino all’albero illuminato e trovavi i regali. Stupisciti come quando ti accorgevi che i biscotti, lasciati sul tavolo la sera prima per quell’uomo paffutello con la barba bianca, non c’erano più.

Chè solo così si dovrebbe vivere. Avvolti costantemente dalla magia.

Per tutto il corso della nostra vita, in fondo, andiamo alla ricerca di qualcosa di magico. Aspettiamo la neve e quando cade la guardiamo come fosse polvere di stelle, ed è subito incatesimo: il silenzio, il rumore dei fiocchi che cadono, il caldo dentro casa, ogni suono ovattato. Oppure, indossiamo un bel vestito e la principessa che è in noi, quella che aveva avuto tanto successo nei carnevali della nostra infanzia, torna in un istante a farci sentire speciali. Basta un po’ di tacco, un po’ di chiffon, strati di tulle e la magia è fatta.

Natale è il periodo più magico dell’anno e mai come in questi giorni ci sentiamo come risvegliati da un lungo sonno. Tutti i sensi sono amplificati: la vista, incantata dagli addobbi, perchè le luci sanno trasformare una città; l’olfatto, chè i profumi di dolci e spezie si respirano ovunque, anche a casa dopo un’infornata di omini di pan di zenzero. Il tatto, per le mille carte diverse e i nastri che usi per impacchettare i regali; l’udito, quando i parenti presi da mille conversazioni, si siedono a tavola e inizia la festa. Manca solo il gusto, questo onnipresente, perchè farai la cena, il pranzo, le colazioni col pandoro e saranno subito 3 chili in due giorni. In fondo, anche questa è magia, va riconosciuto.

Sin dalla notte dei tempi, questo è riconosciuto come il periodo più bello dell’anno. Perchè è magico.

E allora, se ci fa stare così bene, che magia sia tutto l’anno. Almeno per cinque minuti al giorno. Voglio arrampicarmi su 12 centimetri di tacco e da lassù guardare il mondo con gli occhi di chi ancora sogna. E crede. Voglio sprofondare sotto strati di tulle con le Converse ai piedi, chè ognuno sogna un po’ come gli pare, perchè solo nei nostri sogni siamo davvero liberi.

Ventisei letterine per Babbo Natale e qualche nevicata dopo, sono ancora qui a farmi incantare e non ho intenzione di smettere.

 

 

 

 

 

 

IMG_2485.JPG

IMG_2484.JPG

IMG_2483.JPG

IMG_2533.JPG

IMG_2574.JPG

IMG_2573.JPG

IMG_2486.JPG

IMG_2480-1.JPG

Annunci

5 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...